Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» one piece film z
Mer Mar 13 2013, 19:09 Da giuseppesanto

» Presentazione
Lun Nov 19 2012, 20:20 Da IL Barista

» presentazione
Ven Ott 26 2012, 17:38 Da americhe

» Ancora due giorni di pioggia
Mar Set 04 2012, 18:28 Da IL Barista

» Scaricare musica da Youtube
Mar Set 04 2012, 18:24 Da IL Barista

» TOPIC FLOODOSO N°1
Mar Set 04 2012, 18:21 Da IL Barista

» Musica nuova/commerciale/schifosa/radio/tunztunz/wakawaka (eh-eh!)
Mar Set 04 2012, 18:20 Da IL Barista

» saluti
Lun Lug 16 2012, 12:23 Da cheyenne67

» Piu' separazioni, il matrimonio dura 15 anni
Gio Lug 12 2012, 13:19 Da IL Barista

» Conta-post +1
Gio Giu 21 2012, 14:49 Da IL Barista

» Tanti auguri a...
Gio Mag 31 2012, 17:15 Da Checco

» Saluti a tutti
Ven Mag 18 2012, 18:34 Da Checco

» L'età giusta per l'amore? Il primo amore.
Mer Mar 28 2012, 15:54 Da #EREMITA#

» nuovo arrivo
Mer Mar 28 2012, 15:44 Da #EREMITA#

» Fotoshop,gimp o paint shop pro?
Mer Mar 28 2012, 15:40 Da #EREMITA#

» Minecraft: Topic Discussioni
Mer Mar 28 2012, 15:39 Da #EREMITA#

» Mari0: Quando Portal incontra Super Mario
Dom Mar 18 2012, 09:53 Da ClienteFedele

» I Video più pazzi del web... =)0_0(=
Sab Mar 10 2012, 18:35 Da Checco

» Peter Jackson's King Kong: The official game of the movie
Dom Mar 04 2012, 13:12 Da Checco

» Presentazioni più piene
Dom Feb 26 2012, 20:15 Da Checco

Mag 2018
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario


Wikileaks: a Nassiriya nessuno sparo, dall'ambulanza colpita dagli italiani

Andare in basso

Wikileaks: a Nassiriya nessuno sparo, dall'ambulanza colpita dagli italiani

Messaggio Da #EREMITA# il Lun Ott 25 2010, 19:15

Wikileaks: a Nassiriya nessuno sparo, dall'ambulanza colpita dagli italiani

Un altro file smonta l'ipotesi del suicidio del militare, Salvatore Marracino: «E' stato colpito accidentalmente»



ROMA - Tra i documenti riservati resi noti da Wikileaks ce ne sono due che ribaltano la ricostruzione di fatti drammatici che hanno avuto gli italiani per protagonisti in Iraq. Non sparavano gli occupanti del mezzo di soccorso iracheno colpito durante la «battaglia dei Lagunari», nell'agosto 2004 sui ponti di Nassiriya, in Iraq, e poi esploso perché raggiunto dai colpi dei soldati italiani: è quanto si legge nella documentazione messa online da Wikileaks. I militari italiani dissero di aver risposto al fuoco proveniente dal veicolo iracheno.
«Alle ore 03.25 un automezzo che transitava sul ponte orientale di Nassiriya non si è fermato al checkpoint italiano e veniva conseguentemente ingaggiato con armi leggere. Quindi si è prodotta una grande esplosione, seguita da una seconda da cui si è valutato che il veicolo avesse dell'esplosivo», si legge in due resoconti americani del 5 agosto 2004 pubblicati da Wikileaks. I fatti risalgono alla notte tra il 5 e il 6 agosto 2004 quando a Nassiriya si verificarono scontri tra i miliziani dell'Esercito del Mahdi e i soldati italiani, posti a difesa dei tre ponti sull'Eufrate. L'episodio è stato al centro di una vicenda giudiziaria complessa. A bordo del veicolo, secondo i testimoni, si trovavano una donna incinta, la madre, la sorella e il marito. La ricostruzione raccontata dai file di Wikileaks coincide sostanzialmente con quanto appurato nel corso dell'inchiesta giudiziaria. I militari hanno sempre raccontato una storia diversa: nessuna ambulanza, hanno sostenuto, ma solo un furgone, privo di insegne o di dispositivi luminosi, con a bordo uomini armati che, a un tratto, sono scesi sparando contro i soldati italiani che, dopo aver seguito le procedure, si sono limitati a rispondere al fuoco. Dai file Wikileaks, incrociati con il rapporto riservato, scritto tre giorni dopo i fatti dal colonnello dei lagunari Emilio Motolese e reso noto nel 2006, emerge che la versione dei soldati italiani si potrebbe riferire a un episodio distinto, verificatosi un'ora dopo, alle 04.25. I soldati «spararono contro un mezzo che non si era fermato al checkpoint». Quindi iniziò - si legge nei file - una battaglia nella quale diversi insorti rimasero uccisi e altri feriti». [Esplora il significato del termine: - Nella documentazione pubblicata da Wikileaks si legge anche di Salvatore Marracino, il militare italiano morto nel marzo 2005 in Iraq. Contrariamente a quanto si sostenne allora, il sergente Salvatore Marracino non si sparò con la sua arma. «Fu colpito accidentalmente» da fuoco amico durante un’esercitazione, si legge in uno dei file segreti di Wikileak. Secondo l’ipotesi più accreditata all’epoca, invece, il 28enne di San Severo (Foggia) si sparò alla fronte con la sua stessa arma, che si era inceppata poco prima. «A noi hanno sempre detto che Salvatore è morto per un incidente causato dalla sua arma», ha detto la madre del sergente della Folgore, Maria Luigia Grosso. «Non so bene come - ha aggiunto - ma pare che sia partito un colpo da un’arma che si era inceppata più volte». «Noi non abbiamo nessuna comunicazione e quindi non sappiamo nulla di nuovo su questa vicenda» ha aggiunto la signora Maria Luigia. «Quello che posso dire - racconta - è che noi abbiamo rinunciato già da tempo a qualsiasi azione legale. Devo dire, con estrema sincerità, che l’Esercito ci è stato e ci è sempre vicino. Hanno ricordato mio figlio con una targa nella caserma Pisacane di Livorno, gli hanno dedicato un torneo e anche intitolato una palestra». Conferma la tesi dell’incidente durante l’addestramento il procuratore militare di Roma, Marco De Paolis. «Su questo incidente - spiega - è stata svolta una approfondita attività di indagine: sono stati sentiti testimoni, fatte simulazioni, compiuti rilievi fotografici ed altro. Al termine è emerso, anche sulla base dei risultati dell’esame autoptico, che, mentre il sergente stava cercando di sbloccare l’arma che si era inceppata, è partito accidentalmente un colpo che l’ha raggiunto al capo, provocandone purtroppo la morte. Non sono emerse responsabilità di altri militari».] - Nella documentazione pubblicata da Wikileaks si legge anche di Salvatore Marracino, il militare italiano morto nel marzo 2005 in Iraq. Contrariamente a quanto si sostenne allora, il sergente Salvatore Marracino non si sparò con la sua arma. «Fu colpito accidentalmente» da fuoco amico durante un'esercitazione, si legge in uno dei file segreti di Wikileak. Secondo l'ipotesi più accreditata all'epoca, invece, il 28enne di San Severo (Foggia) si sparò alla fronte con la sua stessa arma, che si era inceppata poco prima. «A noi hanno sempre detto che Salvatore è morto per un incidente causato dalla sua arma», ha detto la madre del sergente della Folgore, Maria Luigia Grosso. «Non so bene come - ha aggiunto - ma pare che sia partito un colpo da un'arma che si era inceppata più volte». «Noi non abbiamo nessuna comunicazione e quindi non sappiamo nulla di nuovo su questa vicenda» ha aggiunto la signora Maria Luigia. «Quello che posso dire - racconta - è che noi abbiamo rinunciato già da tempo a qualsiasi azione legale. Devo dire, con estrema sincerità, che l'Esercito ci è stato e ci è sempre vicino. Hanno ricordato mio figlio con una targa nella caserma Pisacane di Livorno, gli hanno dedicato un torneo e anche intitolato una palestra». Conferma la tesi dell'incidente durante l'addestramento il procuratore militare di Roma, Marco De Paolis. «Su questo incidente - spiega - è stata svolta una approfondita attività di indagine: sono stati sentiti testimoni, fatte simulazioni, compiuti rilievi fotografici ed altro. Al termine è emerso, anche sulla base dei risultati dell'esame autoptico, che, mentre il sergente stava cercando di sbloccare l'arma che si era inceppata, è partito accidentalmente un colpo che l'ha raggiunto al capo, provocandone purtroppo la morte. Non sono emerse responsabilità di altri militari». [Esplora il significato del termine: Il premier iracheno, Nuri al-Maliki, ha dato il via libera alla nascita di una commisisone d’inchiesta interministeriale che indaghi sulla veridicità e sui fatti riportati dai documenti pubblicati dal sito ] Il premier iracheno, Nuri al-Maliki, ha dato il via libera alla nascita di una commisisone d'inchiesta interministeriale che indaghi sulla veridicità e sui fatti riportati dai documenti pubblicati dal sito "WikiLeaks". Secondo quanto riferisce la tv satellitare Al-Arabiy, a capo della commissione è stato posto il ministro della Giustizia Dar Noureddine, il quale dovrà indagare sui casi di violazione dei diritti umani commessi dalle forze irachene. «Nonostante non crediamo alla verdicità delle informazioni contenute nei documenti di questo sito internet - si legge in una nota del Consiglio per la Sicurezza iracheno - opereremo senza esitazione per scoprire se ci sono stati episodi nei quali sono stati violati i principi costituzionali sia da iracheni che da stranieri».

(Tratto da: Il Corriere della Sera.it il lunedì 25 Ottobre 2010)
avatar
#EREMITA#
Buttafouri pacciocoso
Buttafouri pacciocoso

Numero di messaggi : 945
Età : 22
Localizzazione : In cucina con un cammello ad attraversare un dessert!
Punti : 3741
Esperienza : 10
Data d'iscrizione : 17.08.10

Test Del Bar
Rispetto Del regolamento:
100/100  (100/100)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum